Due senzatetto ed un milionario

Un anno fa giusto giusto dormivano per strada con i famosi cartoni come coperta e cuscino…

da | 22/09/2020 | SOLIDARIETA' | 0 commenti

Foto originale tratta dal video :  Marie Mckinzie & Greg Dunston


Questa testimonianza/articolo/video l’ho trovata sul sito della BBC, una storia che mi ha fatto riflettere parecchio e che continua a farmi riflettere. Una coppia senzatetto, chiamati anche “barboni” ha vissuto una avventura particolare, avventura che non è ancora finita ma che sta diventando un quasi problema “politico-sociale” negli Stati Uniti e che fa pensare, parecchio.

Un giornalista del “San Francisco Chronicle”, Otis R. Taylor Jr., mentre faceva una inchiesta per un articolo su come centinaia e centinaia di “senzatetto” se la cavavano in quel di San Francisco, ha conosciuto una “coppia” (Greg Dunston e Marie Mckinzie) che viveva per la strada già da parecchio e i due membri si erano messi assieme come in pratica una coppia normale, solo che di normale c’era ben poco. Dormivano per strada, ai piedi di una piccola scalinata che faceva da riparo per le notti fredde e umide, ma erano sempre assieme e cercavano di sbarcare il lunario dando una mano a tutti coloro che erano nelle stesse condizioni, trovare una sistemazione per tutti talvolta diventa come un terno al lotto. E poi…

E poi il giornalista Otis riesce anche a realizzare una specie di filmato in proposito in cui interrogava anche e sopratutto questa coppia, filmato che è stato messo in onda qualche tempo dopo e che ha anche messo in crisi un milionario, Terrence McGrath, che appena dopo aver visto questo servizio ha fatto di tutto per riuscire a mettersi in contatto sia con il giornalista che con la coppia di “barboni”, coppia che ha prontamente invitato a vivere il resto della loro vita a casa sua, in una dependance attenente alla dimora del padrone di casa. Dependance che era già stata utilizzata dalla figlia stessa di Terrence McGrath ma che era rimasta vuota dalla partenza della figlia per altri lidi.

Sembra un racconto delle favole, sembra quasi come una delle favole dei fratelli Grimm, dove alla fine tutti vissero felici e contenti, senonché questa era ed è sempre la fine di un qualsiasi racconto o fiaba, mentre nella realtà di tutti i giorni non sempre la fiaba finisce nella maniera auspicata.
Dopo qualche giorno di “sistemazione” e chiamiamolo pure di “trasloco” la coppia di barboni ha incominciato a visitare il loro nuovo quartiere e hanno anche tentato di fare conoscenza con i loro vicini di casa. Solo che si erano dimenticati di essere di colore e tutto il resto del quartiere era in pratica tutto bianco, bianco come il detersivo delle famose pubblicità, pochissimi sono gli abitanti di colore scuro delle dimore del quartiere.

In pratica neanche una settimana dopo il loro “arrivo” la polizia ha incominciato a ricevere telefonate quotidiane di persone che raccontavano ai poliziotti di aver visto una “coppia di colore” girare per il quartiere. Ma anche se i telefoni della polizia locale hanno smesso di suonare il fatto di “ospitare” una coppia di ex-barboni in casa ha fatto diventare il padrone di casa come uno “zombie” nel quartiere dove ha sempre vissuto. I colleghi di lavoro, gli amici, i vicini, insomma tutti hanno fatto le solite domande e tutte uguali al punto di far quasi rimpiangere il fatto di aver cercato di “regalare” a due persone una vita più decente.

Non vi nascondo che anche dopo aver letto e riletto i vari articoli e avere visto il video della BBC (che vi consiglio di guardare senza battere ciglio) non saprei veramente come e cosa fare in una situazione del genere, anche se ho sempre pensato che fare un tentativo qui e là, forse ci potrebbe anche stare, non lo so veramente.

Sembra facile ospitare una coppia di senzatetto ma la verità è che riabituare due persone che hanno dormito per strada per più anni e per più notti, mangiato quello che riuscivano a scovare e ricevere si è dimostrato molto ma molto più complicato di quello che potrebbe sembrare.

Non vi racconto altro, scoprirete da voi come sono andate le cose a distanza di un anno, ho messo qui di seguito i link sia per l’articolo del “San Francisco Chronicle” che per la video della BBC, filmato che mi ha lasciato a bocca aperta…

Parola di webmaster!!!



TAGS : Dare aiuto | Solidarietà |
        Tags : | Dare aiuto | Solidarietà |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *