Ricordando don Paoloni

da | 19/08/2022 | Non dimentichiamoli | 1 commento

Foto dell’articolo trovata da Mireille Young a suo tempo

Un giorno da dimenticare, una bomba in cortile e la scuola distrutta, da qualsiasi angolo si guardi il problema. Ma anche un giorno da ricordare per le perdite delle persone che purtroppo non ci sono più!! 

Ricevuto in mattinata (19 agosto 2022) il testo qui di seguito da parte di Don Gianni, testo che ci ricorda del famoso giorno del bombardamento del cortile, bombardamento che ha purtroppo causato delle perdite indimenticabili!
Qui di seguito il testo di Don Gianni e anche altre testimonianze in risposta al suddetto testo : inviate pure i vostri commenti o testimonianza e aggiungeremo iol tutto in calce al messaggio di Don Gianni, grazie!

Diego

Er Webmaster..., SSB

Carissimi, vi scrivo per condividere una speciale preghiera: oggi 19 agosto è il 46° anniversario del bombardamento sul cortile della nostra scuola di Beirut che causò tragiche conseguenze: la morte di don Aldo Paoloni e di Antoine, il ferimento del signor Piero Cordone, di don Jacques Amateis, di oltre una dozzina di ragazzi dell’oratorio … E, come onda lunga, ha affrettato la chiusura della scuola, irrimediabilmente!

Ricordo don Paoloni con commozione e, prima ancora, con riconoscenza per la sua testimonianza di umanità e salesianità: aperta, espansiva, cordiale … Continua ad essere un modello, fonte di ispirazione e, trovandosi nella comunione con Dio, un intercessore per tutti i ragazzi e i confratelli, le famiglie … che ha conosciuto durante lunghi anni di missione in Medio Oriente. Insieme a tutti coloro che ci hanno preceduto “lassù”, continua a far parte di quella realtà misteriosa che è “la comunione dei santi”.

Un fraterno abbraccio.

Don Gianni


Caro Don Gianni, grazie per aver condiviso con noi questo pensiero. Ricordo particolarmente quel tristissimo episodio avvenuto poche settimane dopo il nostro rientro a casa al termine degli esami di fine anno a scuola, dove eravamo rimasti ospiti come interni per circa un mese. Ricordo il dolore che ammutolì mio padre alla notizia della scomparsa di Don Paolone, suo grande amico di vecchia data, così come del grave ferimento di Piero Cordone, anch’esso suo amico conosciuto in Arabia Saudita anni addietro. Ai primi di settembre ci recammo a Damasco dove visitammo il signor Cordone in ospedale prima di involarci per l’Italia. Incontrammo anche Don Tiziano ricoverato negli stessi giorni per un intervento all’addome. Mi piace credere che adesso possono incontrarsi tutti insieme lassù e rivivere allegramente la loro sincera amicizia.

Un abbraccio

Salvatore Cataldo


Don Paoloni era stato diversi anni qui a Istanbul prima degli anni ’70.  Sentivo parlare di lui come di uno che cantava con una bella voce di tenore e molti lo ricordavano soprattutto per questa sua dote.
La notizia della sua morte mi sorprese a casa in Sardegna dove trascorrevo un periodo di vacanza in famiglia (prima messa solenne in paese come sacerdote novello!…) in attesa di partire per Tehran…
Personalmente lo avevo incontrato a El Houssoun in una sua visita durante l’estate attorno al 1966… eravamo in classe ad assistere a una lezione di lingua inglese (forse con Fr. Leahy) e tra gli alunni c’era anche don Farneti!… Rivolgendosi all’insegnante, don Paoloni chiese, indicando don Farneti: “Is he a good student?“… naturalmente sia la domanda che la risposta hanno suscitato ilarità tra noi in classe… È stata l’unica volta in cui ho incontrato don Paoloni, may he rest in peace nel giardino salesiano di lassù! 🙏🎶😇

don Nicola

        Tags : | Libano |