CoronaViruStrunz : episodio 17/03/2020

E quello che aspettavamo da qualche giorno ormai é arrivato a mezzogiorno in punto oggi qui in Francia, territori DOM TOM compresi : non ci si muove più neanche noi...

da | 17/03/2020 | DAI NOSTRI INVIATI | 1 commento

Foto originale tratta dal  Telegiornale 


Ieri sera appena dopo l’inizio del telegiornale, passate di poco le 20:00, il Presidente Francese ha parlato per in pratica più di 20 minuti alla totalità dei cittadini francesi, raccomandando di fare sempre più attenzione a dove mettiamo i piedi e le mani ma ha anche e sopratutto imposto un coprifuoco generale pari a quanto sta succedendo in Italia da ormai più di una settimana. Non ci si trova più al bar per il caffè, non si va più a vedere le partite dei ragazzi, non ci si aspetta più fuori dal cinema e non si va più a mangiare al ristorante, tutto quello che l’Italia e gli italiani nella loro totalità o quasi stanno vivendo da qualche giorno, rassegnazione a una realtà che dovrebbe però mutare con l’andare del tempo, non c’é CoronaVirustrunz che tenga…

Non serve che mi dilunghi a spiegarvi come ce la passiamo tanto lo sapete meglio di noi qui in Francia, voi avete già sperimentato la sceneggiata che sta andando in onda un po’ dappertutto in Europa e altrove, ma non avevo mai visto tanta gente fare la fila ai supermercati per comprare quintali di carta igienica e tonnellate di pasta e riso, neanche fossimo in guerra con i produttori di carta da cesso e con la Barilla o Buitoni.

A parte il fatto che sia voi in Italia che noi qui in Francia possiamo liberamente andare a far la spesa grazie al lasciapassare che si può perfettamente stampare da un mille e cinquecento siti online, non riesco a capire per quale motivo ci si debba preoccupare di quanto spesso si andrà al cesso e se saremo tutti malati anche di diarrea galoppante o micidiale, annerire la casella ad hoc…

I vari Carrefour & Co stanno scaglionando le entrate ai supermercati solo per evitare una penuria di carta igienica, neanche i cinesi a casa loro hanno avuto un problema simile e devo anche ammettere che non riesco a capire per quale motivo ci dovrebbe essere fra qualche giorno un attacco di rotoli di carta igienica che se la squagliano a pacchi interi per andare a pulire deretani altrove, fuori dalle mura di casa francesi, sembra quasi un film scritto da Stephen King e che gireranno probabilmente appena sto ViruStrunz se la squaglia.

Oddio, forse sono io che mi sbaglio, vuoi vedere che sto cazzo di ViruStrunz attacca la carta igienica anche quando é imballata con la plastica trasparente??? Mario, se leggi queste righe fai per favore una analisi della situazione Carta Igienica anche da voi e manda i risultati appena ne sai qualcosa, qui non si vive più dalla paura di vedere la carta igienica solo in fotografia o sui dépliants dei supermercati, grazie.

Forse i più giovani non se lo ricorderanno ma il sottoscritto, come del resto tante delle famiglie italiane di tanti anni fa, passava una gran parte della domenica a tagliare i giornali che papà leggeva durante la settimana per “fabbricare” carta igienica formato standard e anche senza la plastica avviluppante, fogli di 10 cm su 20 cm che si tagliavano dalle pagine dei giornali d’epoca, che erano enormi a sfogliare, e che venivano agganciati al chiodo sito di fianco al water stesso, mai fatto una piega allora e forse non ne farebbe neanche adesso.

Allora, se proprio insistete, io farò un Video che piazzeremo sul nostro sito ma anche su Youtube, dove vi spiego come fare per preparare la carta igienica con vari giornali e quotidiani. Mi raccomando, niente riviste specializzate dato che la carta che utilizzano é quasi plastificata e non sarebbe molto idonea per un “lavoro” fatto con criterio e per un risultato diciamo “decente”…

Photo by Anna Franques on Unsplash


        Tags : | Coronavirus |

1 Commento

  1. Avatar

    Gli arabi, i mussulmani tanto denigrati, vicino al “cesso” hanno la douchette per lavarsi fondo schiena e altro….in Francia bidett é un optional… Secondo me con la carta igenica si puliscono ben altro!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *