La chiesa di San Giuseppe a Beirut riaprirà dopo l’esplosione del 2020

La chiesa gesuita di San Giuseppe nella capitale libanese Beirut dovrebbe aprire nuovamente le sue porte il mese prossimo dopo l’esplosione sul molo di agosto 2020.

© Foto originale tratta dal sito Vatican News

Il Dott. Samira Bassil Roncaglia è la vedova del Dott. Prof. Roncaglia, papà di Paola e di Cristina. Lei lavora da tanti anni presso i Gesuiti di Achrafiyeh, e più precisamente al CJC (Centre de la Jeunesse Catholique) all’Université Saint Joseph.
Samira non solo aiuta a preparare centinaia di pasti che mette in auto per andar a distribuire a coloro che ne han bisogno (tra l’altro tanti anziani senza mezzo di trasporto), ma si occupa dell’infermeria andando a prendere le medicine e ad organizzare la distribuzione, ma anche aiutando i medici benevoli che vengono alla clinica.
Inoltre si occupa anche dell’amministrazione della chiesa, degli operai, lavora coi comitati ONG italiani e di varie nazionalità.

Paola

GlobeTrotter..., SSB

Vatican News || Staff reporter || 16/06/2021


A quasi un anno di vita da un’esplosione devastante che ha scosso la città libanese di Beirut, c’è motivo di festeggiare.
La storica chiesa gesuita di San Giuseppe, gravemente danneggiata dall’esplosione dell’agosto 2020, dovrebbe riaprire il mese prossimo.

Supporto vitale
La Chiesa è stata restaurata con l’aiuto della carità cattolica, Aiuto alla Chiesa bisognosa (ACN)
Padre Salah Aboujaoude SJ ha detto all’ACN che “La fornitura e l’installazione delle nuove porte in legno saranno completate entro la fine della prossima settimana“.
Ha anche notato che, poiché la verniciatura e le opere elettriche sono in fase di completamento, l’installazione del controsoffitto dovrebbe iniziare presto.
L’esplosione dello scorso anno ha ucciso 200 persone e ne ha ferite altre migliaia quando 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio si sono incendiate in un magazzino sito nei dock del porto di Beirut.

Il progetto di restauro
Farid Hakimé, è l’ingegnere che supervisiona il restauro della chiesa. “La maggior parte delle finestre e delle porte in legno sono state distrutte, anche il tetto a fas causa è stato gravemente colpito“, ha detto.
Altri danni includevano tutta la lavorazione del legno originale dilaniato dall’esplosione, danni al controsoffitto e agli apparecchi di illuminazione, nonché alla struttura in legno che sosteneva il tetto, che purtroppo ha perso la maggior parte delle sue piastrelle.
Hakimé ha aggiunto: “Si potevano vedere molte crepe nel soffitto della chiesa e in molte altre aree, causate dall’esplosione“.

L’impegno di ACN
Secondo Aid to the Church in Need, la Chiesa di San Giuseppe, costruita nel 1875, sostiene una serie di comunità diverse, tenendo la messa in francese la domenica sera, così come le messe della domenica mattina in inglese e in arabo nel rito maronita.
Con l’economia libanese gravemente colpita dal crollo della Lira libanese, i fondi per le riparazioni della chiesa, che ammontano a 400.000 dollari, sono più vitali che mai.
ACN ha continuato a sostenere la comunità cristiana libanese con oltre 6 milioni di dollari in aiuti a seguito dell’esplosione sul molo di agosto 2020, compresi aiuti di emergenza e riparazioni per edifici ecclesiastici nello storico quartiere cristiano della capitale.

CI HANNO SCRITTO

        Tags : | Libano |