Scuola per cuochi e pasticceri al FIDAR di Jbeil

da | 22/08/2019 | AGENZIE and CO | 0 commenti

Carissimi tutti e tutte, chissà che non ci preparino un menu tutto per noi per un prossimo nostro incontro…
Una grande iniziativa da parte di un Istituto ch resta per tanti versi uno dei pochi istituti professionali della zona.

Un abbraccione.

Don Gianni

Er Professore..., SSB

Aiutiamo i futuri cuochi!


ANS  / 21 Agosto 2019


(ANS – Al Fidar) – Il Don Bosco Technique di Al Fidar è uno dei pochi istituti professionali della zona e accoglie un ampio numero di ragazzi con difficoltà di inserimento scolastico, cercando di offrire loro accompagnamento educativo e supporto umano.

Ci sono corsi di tutti i generi (di meccanica, elettrotecnica, acconciatura, informatica e molto altro), ma in particolare, in questa zona, c’è grande richiesta di addetti alla ristorazione e al settore alberghiero: questi sono corsi sui cui i salesiani, sempre attenti alle esigenze del mondo del lavoro, puntano moltissimo, e sanno che una formazione di alto livello è la chiave d’accesso al futuro per i ragazzi di tutto il mondo.

Per questo, proprio al fine di implementare il programma di ristorazione, i salesiani di Al Fidar hanno chiesto aiuto a un gruppo di esperti italiani, tutti cuochi altamente qualificati. L’obiettivo primario è raffinare le competenze degli insegnanti dell’istituto nell’ambito della gastronomia italiana (molto richiesta nei ristoranti libanesi), e offrire, attraverso seminari e workshop per la preparazione di prodotti da forno e di pasticceria e di pasta fresca, una formazione specializzata agli studenti. L’obiettivo finale è quello di dotare gli studenti di competenze altamente spendibili nel mondo del lavoro.

I beneficiari del progetto, sposato dalla Procura Missionaria Salesiana di Torino – “Missioni Don Bosco”, saranno circa 90 ragazzi che frequenteranno i corsi e 3 insegnanti della filiera ristorazione dell’Ecole Technique Don Bosco.

Dare supporto ai futuri cuochi libanesi è uno dei tanti modi per aiutare i giovani a diventare – per dirla con le parole di Don Bosco – “buoni cristiani e onesti cittadini”. Oggi come allora il tema del diritto a una vita degna resta infatti uno dei pilastri su cui i missionari salesiani hanno dato vita ai loro centri di formazione professionale.

I Salesiani sono presenti in Libano dal 1952 e animano attualmente due case canonicamente erette, situate nella stessa zona, Jbeil: quella di Al Fidar, che ospita appunto una grande scuola di formazione professionale e un centro giovanile, nonché un’altra comunità a El Houssoun con un oratorio e una casa accoglienza che è stata molto attiva durante il periodo più intenso della guerra in Siria, ospitando profughi in prevalenza cattolici.

Per avere più informazioni sul progetto, è possibile consultare il sito web di Missioni Don Bosco

Circa l'autore

Don Gianni

Arrivato a bordo m/n Esperia il 17 ottobre 1963…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *