PENSIERO CONDIVISO

da | 26/08/2019 | CONCETTI E PERCEZIONI | 0 commenti

Photo by Gian D. on Unsplash


Carissime e carissimi Amici exallievi di Beirut, acconsento al desiderio di Diego di postare sul sito questo pensiero indirizzato ai miei familiari.
Mi son detto che in modo molto reale anche voi tutti lo siete, per i forti legami che ci hanno unito, finora nei giorni felici come in quelli tristi.

Sento di dover ringraziare tutti coloro che nelle scorse settimane mi hanno espresso condoglianze e dato conforto. Nel leggere i vostri messaggi, ho rivisto i vostri volti e le vostre storie, ho ricordato le vicende dolorose che molti di voi hanno sofferto per la malattia (in certi casi durata anni e  anni …) e la morte inattesa di persone carissime ancora giovani: uno o entrambi i genitori, una sorella, un fratello …
Al confronto, il mio lutto rimane ridimensionato. Vi voglio bene ancora di più!

Un fraterno affettuoso abbraccio.

Don Gianni

Salesiano, SSB

MESSA DI TRIGESIMO DI MARIA

Gerusalemme – Bosa, 26 agosto 2019


Carissimo Piero,
Carissimo Guido, Fulvio, Stefania, Ivo, Annamaria e ++,

Questa sera in Chiesa ci sarà la celebrazione Eucaristica nel trigesimo di Maria. Eucarestia significa “rendimento di grazie”. Sarà un atto corale di ringraziamento. Anzitutto grazie a Dio per aver “creato Maria, fatta cristiana e conservata in vita” per 74 anni;

  • ognuno di noi al mattino usa per sé una simile preghiera riassuntiva. Grazie al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo : dal loro amore tutto inizia e nel loro nome tutto si compie.
    • Grazie a Dio per le tante qualità di mente, cuore, azione di cui ha arricchito la sua personalità.
    • Grazie per averla donata alle nostre famiglie, Caputa e sopratutto Spanedda.
  • Ma il grazie profondo e commosso va anche a lei Maria :
    • per tutto quello che é stata e che continua a significare per tutti e ognuno di noi. Per quanto ha generosamente donato in famiglia, a scuola, nella comunità civile ed ecclesiale, in particolare nel volontariato a favore dei disabili, a Bosa e anche dei bambini abbandonati a Nairobi.
    • Per la creatività nell’allietare le feste e ricorrenze con abiti e costumi, piatti, dolci …
    • Per il gusto artistico e culturale che manifestava nell’amore ai fiori e alle piante, alla musica classica, al teatro e alle escursioni …
    • Per avermi accompagnato con affetto, incoraggiamento e gioia nella mia vocazione di educatore, sacerdote e missionario.
  • E doverosamente il grazie va a tutti voi che l’avete amata, capita, anche “compatita” in certi momenti, e sopratutto per averla assistita e curata con sacrificio infaticabile durante gli ultimi mesi, anzi durante gli ultimi anni, quando era già iniziato il suo declino psico-fisico.

Impossibile essere esaustivi : questi sono soltanto alcuni degli innumerevoli motivi di ringraziamento che vengono alla mente … Questa sera nella Messa questi e tanti altri li unirete, anzi li uniremo insieme, perché spiritualmente ci sarò anch’io, come pure ci saranno tante altre persone familiari e amiche, vicine e lontane, per offrire a Maria il suffragio e l’addio.

La Comunione Eucaristica é anche “pegno della gloria futura” : ci comunica la certa speranza che un giorno, quando il Buon Dio vorrà, ci ritroveremo tutti nella gioia del Paradiso con Gesù Risorto, la Madonna e tutti i nostri cari.

Amen.

Vi abbraccio e vi benedico,

Gianni

 

Circa l'autore

Don Gianni

Arrivato a bordo m/n Esperia il 17 ottobre 1963…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *