Uno dei due fotografi ufficiali Famiglia Friso…

Pepite uniche, mamma quanto eravamo giovani, belli, raggianti e … magri… Secondo episodio delle foto trovate da Daniele in camera di nostra madre, sempre dentro al famoso cassettone del primo episodio, vedi il primo album della serie Daniele & Co sul sito FOTOTECA.

Debbo ammettere che fa un certo non so che rivedere le foto di circa 60 anni fa, un mondo e mezzo di differenza, non solo per via del fatto che eravamo in Libano, ma anche e sopratutto per la spensieratezza sfornata al momento del “clic” della macchina fotografica.

Per dirvene una, non so quanti di voi se lo ricordano, andavamo alla “Librarie Française” in rue de Phœnicie a comprare le allora Kodak Instamatic, con rullino di dodici foto, non una di più e non una di meno, dovrei aggiungere tante di meno dato che l’obiettivo era quello che era e né il sottoscritto né il fratello del sottoscritto aveva una, non meglio identificata, conoscenza approfondita della fotografia in quanto tale o per lo meno della “scienza” della fotografia, si scattava l’intero rullino in men che non si dica e poi si aspettava un due o tre giorni per avere le foto sviluppate. Quando la Kodak mise sul mercato la stessa macchinetta fotografica ma a colori, allora sembrava di aver toccato il cielo con due o tre o forse di più dita… Una marea di foto straordinariamente mal scattate, mal inquadrate ma era l’unica maniera di ricordare attimi e momenti magici, anche se il risultato talvolta, o quasi sempre, lasciava a desiderare, forse sarebbe meglio stendere un velo pietoso… Chiediamo venia…

Le foto le potete consultare cliccando qui, Archivio Daniele Friso : Episodio 2 – Beirut 1963-1967, ma vi dico subito che ce ne sono alcune che sono assolutamente più uniche che rare, non aggiungo altro per non rovinare la sorpresa, muchas gracias…

Diego