L’agenzia ANS salesiana ha pubblicato il seguente articolo e aspettiamo da un nostro “inviato speciale” ad El Houssoun una possibile una mini-cronaca del restauro con tanto di foto “prima – durante – dopo”, ne vale la pena.

Don Kikka – Don Gianni – Don Diego


(ANS – El Houssoun) – Domenica prossima, 29 Giugno, il cardinale Bechara Rai, Patriarca di Antiochia dei Maroniti, presiederà l’Eucaristia presso la chiesa dei salesiani a El Houssoun, dedicata a Maria Ausiliatrice, in occasione della fine dei lavori di restauro che l’hanno completamente rinnovata. I lavori sono stati possibili grazie all’attività di Together Onlus e alla preziosa collaborazione del Panathlon International.

Costruita nel 1962 su iniziativa di don Carlo Moroni, SDB, e grazie al contributo di benefattori italiani, la chiesa dei Salesiani è stata spettatrice della storia recente del Paese dei Cedri. Dopo 52 anni la struttura è stata totalmente restaurata, con un nuovo design firmato da Raffaele Gerardi. Per quasi 4 mesi si è lavorato  all’impermeabilizzazione anti-pioggia, gli impianti elettrici, la tinteggiatura, i lavori strutturali, gli infissi e gli arredi. Sono stati rinnovati i colori, le tonalità di luci e le misure di sicurezza, mentre dei marmi di Carrara impreziosiscono ora le stazioni della Via Crucis, l’acquasantiera, la scritta “Gloria Libani data est ei” e il tabernacolo; né va dimentica la nuova campana in bronzo, realizzata dalla Fonderia di Beit Chabab.

Il grafico, designer e pittore Raffaele Gerardi ha anche deciso di donare un murale che accompagna i fedeli con gli occhi di Don Bosco e lo sguardo dei suoi ragazzi. Una sua particolare interpretazione illustrata nel dipinto “Le luci di Don Bosco”, il cedro simbolo del Libano e “le luci” del Santo dei giovani si posano sulla chiesa di Maria Ausiliatrice di Houssoun, portando gioia, speranza e sorrisi. Un’opera che svela e racconta per immagini la profondità della missione pastorale del Padre fondatore dei Salesiani, alla vigilia del Bicentenario della sua nascita (1815-2015).

All’inaugurazione della chiesa, il prossimo 29 giugno, oltre al cardinal Rai sono attesi anche varie autorità politiche libanesi e numerosi fedeli.

I salesiani sono presenti in Libano dal 1952 e a El Houssoun dal 1957; l’opera, sita nel distretto di Jbeil, si sviluppa attraverso un oratorio e centro giovanile, un centro d’accoglienza e, dal 2002, anche con un Centro di Formazione Professionale che offre una quindicina di specializzazioni.

Together Onlus è un’associazione fondata dal giornalista ed exallievo salesiano Nello Rega, nel 2005, e in quasi 10 anni di attività umanitaria in Libano ha donato all’oratorio salesiano di Houssoun, attrezzature multimediali, culturali e ludiche, ma anche dispensari sanitari; ha anche organizzato gemellaggi culturali e sportivi, colonie estive per bambini disagiati, aiuti a strutture sportive e per giovani. L’attività della Onlus continua per ultimare i lavori nella struttura salesiana, come l’allargamento e il restauro dell’oratorio, che si prevede termineranno proprio durante l’anno bicentenario.

In rete è anche disponibile un video che mostra le immagini dello stato originario della chiesa, con l’umidità e le infiltrazioni che stavano danneggiando l’intera struttura.

Pubblicato il 24/06/2014